«Le Madonie terra di nessuno»: allarme di Vincenzo Figuccia

«È inaccettabile l’isolamento che stanno subendo le aree interne e specialmente l’intero comprensorio Madonita. L’emergenza sanitaria, la dilagante presenza dei suidi, e non ultimi, i collegamenti da terzo mondo, stanno contribuendo in modo significativo a sfregiare la bellezza dei siti montani. Se pensiamo poi all’ultima genialata di Palazzo Chigi che identifica nell’area madonita una plausibile discarica di scorie nucleari abbiamo già tirato le somme di quella che rischia di diventare una terra di nessuno». Lo afferma Vincenzo Figuccia deputato della Lega Sicilia all’Ars e coordinatore provinciale del partito.

«In definitiva, la stessa battaglia sulle Zone Franche montane che stanno portando avanti tanti amministratori locali – continua Figuccia – rivela la sordità di chi oggi governa questo Paese. Fiscalità di vantaggio, collegamenti, presidi ospedalieri, sostegno all’agricoltura, lavoro, sono tutte priorità che vanno urgentemente affrontate per dare vigore alle Madonie e ai comuni che insistono in quel territorio. Ci batteremo con tutte le nostre forze – conclude – perché ogni singola questione e provvedimento utile, vengano calendarizzate nelle sedi opportune».