Dalle Madonie il grido unanime: no alle scorie radioattive sul nostro territorio

Petralia Sottana – Dalle Madonie il grido unanime: no alle scorie radioattive sul nostro territorio
Lo hanno affermato sindaci, associazioni ambientaliste, organismi sovracomunali oltre che i vertici delle Regione Siciliana con il presidente dell’Ars, On. Gianfranco Miccichè e l’Assessore al Territorio e ambiente, On. Toto Cordaro.
Occasione è stato il consiglio straordinario dell’Ente Parco delle Madonie convocato in forma allargata dal presidente Angelo Merlino. Non a caso ha voluto mettere all’ordine del giorno due punti: discussione e determinazioni sul deposito scorie nucleari e candidatura del Parco delle Madonie al progetto Unesco “L’uomo e la Biosfera (Mab)”, sottolineando che il territorio protetto è già sito Geopark Unesco. E basterebbe già questo per escludere assolutamente la potenziale candidatura del Borgo Vicaretto di Castellana Sicula a sito idoneo per ospitare il deposito unico delle scorie radioattive. “Ma non solo – sottolinea il presidente Merlino – l’area è sottoposta a vincolo idrogeologico, è a rischio sismico e accoglie il Lago Sfondato, riserva protetta gestita da Legambiente”. Tanti i motivi che rendono l’area individuata per il deposito scorie: “ma dobbiamo adottare – prosegue Merlino – una strategia comune per arrivare preparati alla consultazione indetta dalla Sogin. Per questo metterò a disposizioni i tecnici e tutte le forze possibili del nostro Ente: prepareremo un dettagliato rapporto da allegare al documento che la Regione sta predisponendo. Individueremo tutti i motivi che rendono il nostro territorio incompatibile col deposito scorie. E che sarà inviato al Governo nazionale”.
Il sito dista poi a pochi chilometri da importanti centri abitati e aziende agricole importanti. “Un territorio – afferma il sindaco di Petralia Sottana Leonardo Neglia – ricco di emergenze archeologiche ma anche con coltivazioni di pregio esportate in tutto il mondo. Ma già i riconoscimenti Unesco escludono il deposito e non scordiamo l’insularità: il trasporto via mare delle scorie è assolutamente da escludere”.
Forte il grido di protesta anche dal sindaco di Castellana Sicula, Francesco Calderaro che contesta i tempi e i modi con cui la notizia è stata diffusa, in piana crisi pandemica e chiede perchè pur essendo note le cause di incompatibilità? Il sindaco Calderaro ha manifestato la rabbia poi di tanti cittadini e degli agricoltori che oggi con le loro culture bio esportano nel mondo. Con soddisfazione fa notare che il territorio si trova sempre però compatto nelle grandi scelte. E ribadisce: “No al nucleare sulle Madonie e in Sicilia: abbiamo già pagato con poli chimici e discariche … ”.
Per il presidente dell’Unione dei Comuni, Pietro Macaluso non ci sono nemmeno i presupposti minimi per la realizzazione del deposito. “Una palese contraddizione in un momento che si sta puntando alla valorizzazione di turismo e agricoltura. Il deposito invoglierebbe tanti ad andare via, proprio il contrario di quello che ci proponiamo oggi: fermare lo svuotamento delle Madonie”.
Metterà a disposizione i sui tecnici e specialisti anche la So.svi.ma., guidata da Alessandro Ficile. Anche per lui i siti siciliani non hanno i requisiti minimi di idoneità per ospitare il deposito. Un fermo no quindi anche dalla Società per lo sviluppo delle Madonie.
Per il presidente del Gal, Santo Inguaggiato non si può invertire lo sviluppo Bio della zona. Se è vero che un deposito nazionale è necessario e urgente, bisogna trovare una soluzione condivisa in una zona d’Italia idonea. E certamente non può essere la Sicilia. Anche il Gal coi suoi tecnici redigerà una relazione che illustrerà i motivi di incompatibilità, non ultimo le presenze di aziende che si innestano con un turismo legato al consumo di prodotti a Km Zero.
Dal sindaco di Marianopoli Salvatore Noto la richiesta di un forte messaggio di rasserenamento ai cittadini e dal sindaco di Campofelice di Roccella Michela Taravella una riflessione profonda su quanto ha vissuto il suo territorio comunale con promesse di poli industriali e fabbriche che hanno solo devastato la costa e una zona ad alta vocazione turistica, proprio come le Madonie.
Rasserenare i cittadini la parola d’ordine che emerge a conclusione dei lavori, affidate agli interventi dell’Assessore Cordaro e del Presidente Miccichè.
L’assessore ripercorre nel dettaglio l’intero iter della vicenda e traccia un quadro della situazione attuale che riassume in una sola parola: “strampalata se riferita alla Sicilia”. Per i motivi che ben si conoscevano legati anche alla geologia delle Regione e al clima con forti escursioni termiche.
E rassicura facendo anche notare la presenza del ricco patrimonio Unesco dell’Isola, tesori unici al Mondo, che rendono incompatibile il deposito delle scorie nucleari. Tra i criteri di esclusione per la scelta del sito per il deposito nazionale c’è, infatti, la presenza di siti patrimoni dell’umanità.
L’assessore Cordaro conferma l’assoluta contrarietà della Giunta guidata dal presidente Nello Musumeci al nucleare in Sicilia.
Poi un dato: il 70% delle scorie si producono a Nord dell’Emilia Romagna: perchè dovrebbero attraversare l’Italia intera e il mare?
L’Assessore annunci alla costituzione di un gruppo di studio, da lui presieduto, con tecnici della Regione, delle Università siciliane e i sindaci. Coordinati dal commissario speciale per il supporto tecnico al territorio Aurelio Angelini.
In streaming l’intervento dell’On. Giuseppe Lupo che conferma l’unanimità dei gruppi politici all’Ars per dire No al nucleare in Sicilia.
Ha concluso il presidente Miccichè che ha subito definito la scelta delle Madonie per il deposito nazionale “fuori dal mondo, degna da scherzi a parte, da rispedire al mittente.” Tanto da non suscitare nemmeno preoccupazione. E conclude: meglio concentrarsi sulle cose che si possono fare nel parco e nel territorio. E rassicura i presenti e i cittadini: tutto il Parlamento siciliano è con voi. L’assessore Cordaro conferma l’assoluta contrarietà della Giunta guidata dal presidente Nello Musumeci al nucleare in Sicilia. Poi un dato: il 70% delle scorie si producono a Nord dell’Emilia Romagna: perchè dovrebbero attraversare l’Italia intera e il mare? L’Assessore annunci alla costituzione di un gruppo di studio, da lui presieduto, con tecnici della Regione, delle Università siciliane e i sindaci. Coordinati dal commissario speciale per il supporto tecnico al territorio Aurelio Angelini. In streaming l’intervento dell’On. Giuseppe Lupo che conferma l’unanimità dei gruppi politici all’Ars per dire No al nucleare in Sicilia. Ha concluso il presidente Miccichè che ha subito definito la scelta delle Madonie per il deposito nazionale “fuori dal mondo, degna da scherzi a parte, da rispedire al mittente.” Tanto da non suscitare nemmeno preoccupazione. E conclude: meglio concentrarsi sulle cose che si possono fare nel parco e nel territorio. Un territorio che dice di amare e oramai da anni la sua casa. E rassicura i presenti e i cittadini: Tutto il Parlamento siciliano è con voi.