Cefalunews

Cefalù, covid: 12 residenti e oltre 20 presso l’ospedale. Intervista al Sindaco

A Cefalù sono 12 i casi positivi e oltre 20 quelli registrati presso l’ospedale Giglio fra operatori e pazienti. «Faccio un appello affinché ci sia rispetto nei confronti di chi è stato colpito dal virus anche perché siamo tutti a rischio» dice il sindaco i Cefalù, Rosario Lapunzina, che abbiamo intervistato.

1. Com’è la situazione a Cefalù sui contagi da Covid 19?
Cefalù ha al momento 12 casi positivi tra residenti e domiciliati. Si aspettano alcuni esiti di tamponi. Anche in ospedale ci sono stati diversi casi di Covid 19. Tra operatori e pazienti sono oltre 20.

2. Anche a Cefalù c’è la caccia al contagiato. Da sindaco cosa puoi dire a quanti vogliono conoscere a tutti i costi l’identità delle persone positive?
Come è successo nei mesi di marzo e aprile ogni volta che si annuncia un positivo si apre una spiacevole caccia del nome e cognome. La legge sulla privacy non consente diffondere i dati sensibili. Faccio un appello affinché ci sia rispetto nei confronti di chi è stato colpito dal virus anche perché siamo tutti a rischio.

3. Molte persone ricorrono al tampone nei laboratori privati. Cosa deve fare chi si accorge di essere positivo?
Chi fa il tampone nei laboratori privati se risulta positivo deve mettersi in isolamento fiduciario assieme ai componenti della famiglia. Deve avvisare il medico e comunicare via mail l’esito e i dati anagrafici all’Asp al seguente indirizzo prevenzionecefalu@asppalermo.org

4. Secondo te ci sono a Cefalù delle zone nelle quali è più facile dare vita ad assembramenti?
È evidente che bisogna evitare assembramenti sia all’uscita delle scuole, sia durante i fine settimana davanti ai pubblici esercizi. Per fortuna i titolari hanno organizzato un buon servizio di controllo

5. Ai giovani che si vedono costretti a limitare le loro attività nelle ore della notte cosa dici?
Siamo al momento tutti in grande difficoltà. Ci saranno tempi migliori per recuperare divertimento e serenità. Raccomando a tutti le tre principali regole: distanziamento, lavarsi le mani e indossare sempre la mascherina.