Come mangiare il broccolo per abbassare l’indice glicemico? Ecco il trucchetto della nonna

Come mangiare il broccolo per abbassare l’indice glicemico? Scegliere del broccolo con infiorescenze compatte, sode e di colore verde intenso. Pulire il broccolo, eliminare la parte del torsolo più dura, dividerlo in cimette e metterlo per 5 minuti, in acqua fredda. Mettere poca acqua in una pentola e portarla ad ebollizione. Versarvi il broccolo. Coprire la pentola con un coperchio per bollire più velocemente. A cottura avvenuta, spegnere il fuoco. Scolare il broccolo e metterlo in una zuppiera di vetro. Condire con pezzetti di aglio e olio. Servire il broccolo. Con il semplice trucchetto della nonna di lessare il broccolo con poca acqua l’indice glicemico resta a 15 e non si perdono le buone sostanze che apporta il broccolo quando viene mangiato.

Quali sono i cibi con un basso indice glicemico? La cipolla ha un basso indice glicemico pari a 15. Secondo uno studio dell’University of Southern Queensland la rutina, contenuta anche nella cipolla, potrebbe ridurre il peso e il rischio di diabete. L’estratto di cipolla, invece, riuscirebbe anche a ridurre l’iperglicemia con azione dose-dipendente. La cipolla è un ottimo antiossidante, diuretica, antinfiammatoria, disintossicante, abbassa il colesterolo e i trigliceridi, abbassa anche la glicemia, previene il tumore allo stomaco, rinforza le ossa e previene persino l’osteoporosi. La cipolla contiene alcuni enzimi che stimolano la digestione e il metabolismo. la cipolla apporta zolfo, ferro, potassio, magnesio, fluoro, calcio, manganese e anche fosforo.

Quali sono i cibi con un alto indice glicemico? Un carico glicemico è ottimale se inferiore a 10. La carota cruda ha un indice glicemico pari a 30. Il colpo di scena si ha con la carota cotta che vede alzare il suo indice glicemico a 90. Le carote cotte, quindi, sono tra i cibi che possiedono un alto indice glicemico. Nel caso di un diabetico che vuole mangiare, quindi, le carote cotte occorre sempre consultare un medico. La carota protegge le arterie dai danni ossidativi ed è fonte di vitamina K, vitamina B6, biotina, vitamina C. La carota apporta sali minerali come potassio, rame, manganese.

Quali sono i benefici del broccolo? Il broccolo aiuta la salute del cuore, fortifica le ossa, fa bene alla vista e previene il cancro. Il broccolo apporta ferro, potassio, calcio, selenio e magnesio, ma anche le vitamine A, C, E, K e una buona gamma di vitamine del gruppo B, incluso l’acido folico. Il broccolo è ricco di fibre che aiutano l’intestino e la salute dell’apparato digerente. Il broccolo aiuta a mantenere il senso di sazietà. Il consumo di broccolo al vapore riduce la quantità totale di colesterolo nel corpo e il rischio di malattie cardiovascolari. Il broccolo aiuta a prevenire il cancro.

Il broccolo va mangiato crudo o cotto? Bollire o cuocere a vapore sono le soluzioni migliori per preservare lo stato antiossidante del broccolo. Questo modo, però, distrugge la vitamina C. Il broccolo crudo è il migliore quando bisogna prevenire i livelli di sulforafano. Chi non ama il broccolo crudo può preparare questo ortaggio in tanti  modi: ebollizione, frittura, cottura a vapore, in forno e anche al microonde. In questo modo si altera la composizione nutritiva della verdura, in particolare riducendo la vitamina C, nonché le proteine e lo zucchero solubile. La cottura a vapore è quella dagli effetti negativi minori e quindi è quella generalmente consigliata.