Cefalunews

Come mangiare la patata per abbassare la pressione? Ecco il trucchetto della nonna

Come mangiare la patata per abbassare la pressione? Il segreto è nella sua cottura. Ecco il trucchetto della nonna per mangiare la patata che aiuta a contrastare la pressione alta. Scegliere patate di uguale dimensione e non troppo grandi. Lavare bene la buccia, bucherellare tutte le patate con una forchetta in modo che in cottura non scoppino e metterle su un piatto. Spennellare di olio extravergine di oliva e mettere in forno a microonde a 700 watt circa per 6/8 minuti a seconda della dimensione delle patate. Controllare la cottura infilzandole con una forchetta. Per mangiare la patata che aiuta a tenere sotto controllo la pressione va cotta al microonde perché viene cotta, infatti, senza l’aggiunta di burro, olio e ketchup.

Come cuocere i cibi per abbassare la pressione sanguigna? Bisogna cucina senza utilizzare sale da cucina. Il consiglio dei medici verso chi soffre di pressione alta, infatti, è di utilizzare il sale con cautela nella cottura dei cibi. In questi casi per insaporire i cibi, è bene sapere, vi sono tanti altri alimenti che possono insaporire i propri piatti e che riescono egregiamente a sostituire il sale. Stiamo parlando delle erbe aromatiche ma anche delle spezie. In particolare si possono utilizzare rosmarino, prezzemolo, rafano, maggiorana, timo, erba cipollina, paprica ma anche aglio e cipolla essiccati. Tutte queste erbe andrebbero usare perché possiedono la proprietà naturale di abbassare la pressione sanguigna.

Quali cibi fanno alzare la pressione sanguigna? Ketchup, maionese, senape ed in particolare modo la salsa di soia, possono contribuire ad innalzare la pressione sanguigna. Tutto questo perché contengono molto sodio. Bisogna evitare infatti gli alimenti ricchi di sodio ed in particolare merluzzo sotto sale, sardine sotto sale, salsa di soia, capperi, pomodori secchi, parmigiano, olive verdi. Ed ancora carne in scatola, pop corn, cracker salati, formaggino, aringhe affumicate e arachidi tostate. Sarebbe bene evitare anche le versioni commerciali delle salse più comuni, e sostituirle con preparazioni casalinghe a basso contenuto di sale per il condimento di insalate e panini, oppure semplicemente con olio e aceto.

Quali sono i benefici della patata? Cotta al forno la patata aiuta a mantenere l’intestino in salute, migliora le funzioni cerebrali e apporta vitamina B6, ideale per calmare lo stress. La patata al forno apporta solo 26 calorie e per questo è un’ottima scelta da includere nella propria dieta. Tra l’altro la patata contiene nutrienti e carboidrati complessi. La patata inoltre possiede anche un alto indice glicemico che permette allo stomaco di sentirsi sazio per più tempo. In questo modo aiuta a trattenere la voglia di mangiare. La patata è ricca di vitamina B6 che mantiene il sistema nervoso in salute e uno stato d’animo equilibrato.

Perché le patate fritte in busta fanno male? Perché contengono grassi saturi e calorie ma anche una pericolosa sostanza che va sotto il nome di acrilammide. E’ una sostanza cancerogena il cui livello, secondo uno studio, è risultato inaccettabile per alcune marche di patatine molto note. Questa sostanza è un composto mutageno e cancerogeno che intacca il DNA e la tossicità si manifesta  a livello dell’apparato riproduttivo e del sistema nervoso. Questa sostanza si forma durante la cottura delle patatine ad elevate temperature. Uno studio pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition dice che le patate fritte sono un alimento che uccide. Mangiare patatine fritte due o più volte la settimana può aumentare, fino a raddoppiare, il rischio di mortalità negli adulti.