Cefalunews

Lavori per 46mila euro. Niente asta pubblica: sono urgenti

Lavori per 46 mila euro affidati con urgenza dal sindaco di Cefalù. Si tratta di undici immobili comunali che, a leggere l’ordinanza del primo cittadino, presentano «situazioni di significativo degrado con condizioni di potenziale pericolo e pregiudizio per la pubblica e privata incolumità». Per la scelta della ditta che dovrà effettuare questi lavori non è stato possibile ricorrere all’asta pubblica. Sono stati affidati, infatti, ad una ditta di Cefalù per 46.032 euro.

In particolare i lavori per i quali non è stato possibile effettuare l’asta pubblica riguardano undici immobili comunali. Presso le case popolari comunali di via Pietragrossa sono state riscontrate infiltrazioni di acqua piovana dalla copertura con generale ammaloramento degli intonaci interni ai sottostanti appartamenti. Presso l’ex Municipio di Via Amendola c’è bisogno del ripristino dei sanitari. Presso la corte delle stelle è andata in avaria la rete fognaria di allaccio dei servizi igienici con connessioni di natura igienico sanitaria e disagio ambientale. Presso la casa comunale di Corso Ruggero si è verificato il distacco di intonaci dal soffitto dell’Ufficio Tributi. Presso i bagni pubblici di largo Di Giorgio sono state trovate infiltrazioni di acque piovane dal sovrastante marciapiede con evidenti disagi ambientali all’interno dei singoli locali. Presso il serbatoio urbano sono state trovate infiltrazioni di acque piovane dalla copertura con ammaloramento delle murature interne. Presso la scuola dell’infanzia di piazza “SS.Apostoli” è stata trovata un’avaria alla rete fognaria di allaccio dei servizi igienici con connessioni di natura igienico sanitaria e mancanza condizioni di sicurezza per il degrado della recinzione esterna. Al cimitero comunale occorre ripristinare il pilastro di accesso e sistemare le grate acque piovane. Sono state riscontrate inoltre anche criticità sulla viabilità comunale. A Croce Parrino – Lancellaro è stata trovata una carenza nei sistemi di regimentazione, convogliamento, raccolta e recapito finale delle acque di scorrimento superficiale. Sul lungomare e nel centro storico una carenza condizioni di sicurezza grate, pozzetti e caditoie stradali. In piazza Marina una carenza condizioni di sicurezza presidi del camminamento a mare.